Jessa Crispin  

Perché non sono femminista.
Un manifesto femminista


BIGSUR28_Crispin_PercheNonSonoFemminista_cover
Traduzione di Giuliana Lupi
Data di uscita: marzo 2018
Collana: COMINGSUR #28
Libro
ISBN: 978-88-6998-117-3
Prezzo: 16.50 €
133 pagine
Paese: Stati Uniti
Parole chiave:

Negli ultimi anni assistiamo sempre più di frequente al fenomeno di attrici, cantanti e celebrità che proclamano la loro adesione al femminismo; contemporaneamente, sui social network e sui mass media sono sempre più all’ordine del giorno gli scandali legati alle molestie e le campagne contro i comportamenti sessisti. Ma qual è esattamente la natura di questo «femminismo» che tanto spesso viene chiamato in causa? Davvero basta condannare gli abusi sessuali e credere nel semplice principio che le donne hanno gli stessi diritti degli uomini, per potersi dichiarare femministe?
Questo pamphlet agguerrito e provocatorio ci mostra come il femminismo moderno, nel suo sforzo di essere il più inclusivo e universale possibile, abbia perso la sua carica rivoluzionaria, la capacità di legare la lotta per l’emancipazione femminile a una più ampia battaglia per il rovesciamento dello status quo, e come dietro il cosiddetto girl power si celi in realtà l’accettazione degli stessi valori del sistema patriarcale che crea l’ingiustizia e le disuguaglianze: il denaro, il potere, la sopraffazione del più debole in nome della realizzazione di sé.
Recuperando le teorie del femminismo del Novecento, Perché non sono femminista tenta invece di immaginare nuovi valori e nuove pratiche per costruire un progetto completamente diverso, insieme collettivo e radicale: «una rivoluzione totale in cui alle donne non sia semplicemente permesso di partecipare al mondo come già è, ma in cui siano parte attiva nel riformarlo».

Svuota


Acquistalo adesso e lo riceverai appena sarà disponibile.

“Agile, bellicoso, trascinante [...] L’autrice non rigetta il femminismo in sé, ma la vuota e impotente «nuova era del femminismo superficiale».”The Chicago Tribune