- SUR - https://www.edizionisur.it -

Compiti per le vacanze

Ci stiamo avvicinando alla pausa estiva: anche Sotto il vulcano andrà in vacanza per qualche settimana, ma non senza prima lasciarvi una selezione di spunti e letture, che vi facciano compagnia dovunque voi siate. Torniamo a settembre!

Compiti per le vacanzeAndrés Neuman: gli eroi dell’imprevedibile si perdono nell’amore
Su Tuttolibri, una bella lettura di Marco Peano della raccolta di racconti Le cose che non facciamo [1] dell’autore argentino Andrés Neuman [2]: una mappa dei sentimenti in ventinove atti.


Shaft: un detective nero per le strade di New York [3]
Le scene iniziali del film Shaft [3], tratto dall’omonimo romanzo di Ernest Tidyman, con uno dei personaggi più indimenticabili del cinema blaxploitation. Qui [4] una divertentissima scena del libro.

https://www.youtube.com/watch?v=R3qAg27YpaU


Compiti per le vacanzeCuba: due punti di vista
Due esperienze diverse di vita vissuta sull’isola: «Treinta días viviendo como un cubano» [5], un reportage dello scrittore e giornalista Patrick Symmes [6] pubblicato da Letras Libres nel 2011; e «Yo solve Cuba» [7], reportage illustrato del filmmaker e artista italiano Lorenzo Fonda [8], pubblicato su The Rumpus.


Compiti per le vacanzeAli Smith, [9]L’una e l’altra [9]
A settembre arriva in libreria per Big Sur L’una e l’altra [10], l’ultimo romanzo della scrittrice scozzese Ali Smith, nella traduzione di Federica Aceto. Nell’attesa, ecco un bell’approfondimento di Sophie Gilbert [9] pubblicato da The Atlantic.


Compiti per le vacanzeAlejandro Zambra: una lettura da [11]Risposta multipla
Tra le uscite di settembre c’è anche Risposta multipla [12] del cileno Alejandro Zambra, nella traduzione di Maria Nicola. Negli Stati Uniti è stato da poco pubblicato per Penguin Books Multiple Choice, l’edizione americana, tradotto da Megan McDowell. Qui [11] Zambra legge un estratto dell’originale in spagnolo, accompagnato dalla traduzione inglese.


George Clinton: Ain’t That Funkin’ Kinda Hard on You?
Non potevamo che chiudere a ritmo di musica con George Clinton e la sua leggendaria astronave, accompagnato da Kendrick Lamar e Ice Cube: tre generazioni di black music a confronto, come si racconta in La mia vita funkadelica [13].